Le visite veterinarie con il cane
Benvenuti Cane Il cane Le visite veterinarie

Le visite veterinarie

Stampare aA+ Aa-
Le visite veterinarie

Le visite veterinarie con il cane

Il padrone del cane è il responsabile della sua protezione da malattie evitabili, ed è pertanto colui che deve provvedere a sottoporlo alle vaccinazioni preventive periodiche e ai controlli dello stato di salute presso il veterinario.

Un documento di vaccinazione aggiornato costituisce il presupposto per visitare un’esposizione e per effettuare viaggi all’estero.

Prima visita

Prenda un appuntamento dal suo veterinario di fiducia, già prima di accogliere il cane in casa. In questo modo, la prima visita in ambulatorio per un check-up accurato può avvenire in tutta tranquillità. Non sa quanto è stimolante dal punto di vista olfattivo un ambulatorio veterinario per il suo giovane cane: un miscuglio di odori di altri cani, gatti, porcellini d’India, uccellini, persone agitate, disinfettanti e medicamenti investe il suo naso! A questo si aggiungono i diversi rumori che provengono dalle gabbie e dai trasportini, ma anche dalle stanze accanto.

In previsione di tanto entusiasmo è meglio che il cucciolo svuoti prima la vescica. Si informi in anticipo telefonicamente con l’ambulatorio veterinario sulla collocazione della “toilette” per animali dove potrà portare il cane prima della visita, lasciandolo annusare ed espletare i suoi bisogni. Poi può recarsi in tutta tranquillità verso la sala d’aspetto. Un’eccezione è rappresentata dai casi in cui lo stato di salute del cucciolo desti preoccupazione, qualora abbia febbre, diarrea o svogliatezza. In questi casi, lasci il cane in auto fino al suo turno, quindi lo prenda in braccio e lo porti direttamente nella sala visite.

Contrassegno

Identificazione dei cuccioli
Ogni cane deve essere identificato in base alla taglia e al Paese di appartenenza. Se la sua scelta è ricaduta su un cane di razza, il cucciolo sarà già stato munito di chip presso l’allevamento. Qualora non fosse così, chieda al veterinario di segnare il cane e di inserirlo in un registro degli animali domestici. In tal modo,

Mikrochip
Munire un cane del chip, che in alcune regioni e per determinate razze o taglie è prescritto applicargli un minuscolo transponder nella zona sottocutanea del collo tramite una cannula. Questa procedura è paragonabile ad una vaccinazione. Mediante un apposito lettore, è possibile quindi leggere il numero del proprio cane. Il veterinario sarà lieto di offrirle consigli in merito e di effettuare il contrassegno del cane.

Vaccinazioni

I cani sono minacciati da una serie di malattie infettive, fra cui il cimurro, la leptospirosi, l’epatite contagiosa canina e la parvovirosi. Contro di esse i cuccioli vengono vaccinati, per la prima volta all’età di 7-8 settimane, quindi ancora presso l’allevamento. Per ottenere una protezione immunitaria sufficiente, il primo vaccino va ripetuto dopo 4 settimane. Questa è una scadenza che va assolutamente rispettata. All’età di 12 settimane, il cane viene quindi vaccinato anche contro la rabbia, una vaccinazione che viene ripetuta annualmente insieme ad altre.

Parassiti intestinali

I parassiti intestinali, diversi tipi di vermi, infestano il cucciolo già prima di nascere, quando è ancora un feto nel grembo materno, e sono trasmessi anche tramite il latte materno. Per questo motivo l’allevatore svermina la madre e il piccolo regolarmente. Si informi sulla data dell’ultima sverminazione, in modo tale che il veterinario possa stilare un piano terapeutico per il cucciolo. I vermicidi esistono in forma liquida, in pasta o in compresse. La maggior parte di quelli liquidi ha un buon sapore e può essere ingerita anche dai cuccioli come qualsiasi altro liquido. La pasta va invece spalmata nella bocca del cane nella quantità necessaria, tenendogli la testa leggermente rivolta verso l’alto. A questo punto il cucciolo la lecca e la inghiotte. Infine le compresse possono essere somministrate posizionandole nella mano insieme a 3-4 crocchette. In alternativa è possibile mettere una compressa alla volta in fondo alla lingua del cane, chiudergli il muso e tenergli la testa rivolta verso l’alto massaggiando dolcemente la zona della gola. Quando il cane inghiotte per necessità, la compressa viene automaticamente ingerita.

  • facebook
  • youtube